Menu
Nuovo farmaco 'discioglie' cancro polmoni, senza chemio

Nuovo farmaco 'discioglie' cancro p…

SYDNEY - Un rivoluzionari...

Nuovo malware su Android fa le chiamate a pagamento

Nuovo malware su Android fa le chia…

Ancora una minaccia per i...

Lavoro: più sono i giorni di malattia pagati, meno si ammalano i dipendenti

Lavoro: più sono i giorni di malatt…

È abbastanza lapalissiano...

Facebook lancia lo shopping sulla chat di Messenger

Facebook lancia lo shopping sulla c…

MILANO - Facebook dichiar...

Onu: "Facebook, Twitter e WhatsApp usati dall'Isis per vendere schiave"

Onu: "Facebook, Twitter e What…

Inutile nasconderlo: Face...

Una conversazione simile a quella umana, l'incredibile linguaggio dei delfini

Una conversazione simile a quella u…

Un linguaggio talmente ev...

Incominciare a lavorare prima delle 10 del mattino provoca stress e stanchezza

Incominciare a lavorare prima delle…

In ufficio, mai prima del...

Nella classifica mondiale degli hacker l'Italia è al decimo posto

Nella classifica mondiale degli hac…

I programmatori italiani ...

Scoperto un trojan che si diffonde via Twitter

Scoperto un trojan che si diffonde …

Avanti un altro. E' stato...

Che cosa fare in caso di terremoto

Che cosa fare in caso di terremoto

La Protezione Civile sul ...

Prev Next

Nuovo malware su Android fa le chiamate a pagamento

  • Scritto da 
È stato scoperto da Check Point, si chiama CallJam, e si nasconde in un'app scaricata tra 100-500mila volte. Google adesso l'ha rimossa dal suo store È stato scoperto da Check Point, si chiama CallJam, e si nasconde in un'app scaricata tra 100-500mila volte. Google adesso l'ha rimossa dal suo store

Ancora una minaccia per i dispositivi mobili. Un nuovo malware su Android che effettua chiamate ai numeri di telefono a pagamento e reindirizza gli utenti su siti web con annunci pubblicitari è stato scoperto da Check Point, che lo ha chiamato CallJam.

Il virus si nasconde all'interno dell'app "Gems Chests for Clash Royale" che è stata caricata su Google Play nel maggio scorso ed è stata da allora scaricata tra le 100.000 e le 500.000 volte.

Prima di eseguire le chiamate premium, l'applicazione chiede l'autorizzazione all'utente. Come si è visto in altri precedenti attacchi, gli utenti concedono facilmente l'autorizzazione, poiché non leggono con attenzione o capiscono completamente tutto ciò che viene chiesto loro. Check Point ha informato Google della presenza di questa applicazione malevola, che a sua volta ha rimosso l'applicazione infetta.

Fonte: La Repubblica - Foto: Appelmo

Torna in alto

Categorie

Documentari

Notizie e Turismo

Seguici su

Informazioni

Grazie per la tua donazione