Menu
Nuovo farmaco 'discioglie' cancro polmoni, senza chemio

Nuovo farmaco 'discioglie' cancro p…

SYDNEY - Un rivoluzionari...

Nuovo malware su Android fa le chiamate a pagamento

Nuovo malware su Android fa le chia…

Ancora una minaccia per i...

Lavoro: più sono i giorni di malattia pagati, meno si ammalano i dipendenti

Lavoro: più sono i giorni di malatt…

È abbastanza lapalissiano...

Facebook lancia lo shopping sulla chat di Messenger

Facebook lancia lo shopping sulla c…

MILANO - Facebook dichiar...

Onu: "Facebook, Twitter e WhatsApp usati dall'Isis per vendere schiave"

Onu: "Facebook, Twitter e What…

Inutile nasconderlo: Face...

Una conversazione simile a quella umana, l'incredibile linguaggio dei delfini

Una conversazione simile a quella u…

Un linguaggio talmente ev...

Incominciare a lavorare prima delle 10 del mattino provoca stress e stanchezza

Incominciare a lavorare prima delle…

In ufficio, mai prima del...

Nella classifica mondiale degli hacker l'Italia è al decimo posto

Nella classifica mondiale degli hac…

I programmatori italiani ...

Scoperto un trojan che si diffonde via Twitter

Scoperto un trojan che si diffonde …

Avanti un altro. E' stato...

Che cosa fare in caso di terremoto

Che cosa fare in caso di terremoto

La Protezione Civile sul ...

Prev Next

Crollo su Facebook: gli utenti postano di meno

  • Scritto da 
Nel terzo trimestre di quest'anno solo il 37% degli iscritti ha postato qualcosa. Un calo del 22% rispetto all'anno precedente. Il social corre ai ripari mostrando pagine "promemoria" nella speranza che invoglino a pubblicare nuovi contenuti Nel terzo trimestre di quest'anno solo il 37% degli iscritti ha postato qualcosa. Un calo del 22% rispetto all'anno precedente. Il social corre ai ripari mostrando pagine "promemoria" nella speranza che invoglino a pubblicare nuovi contenuti

Pigrizia? Saturazione? Aumento dell'offerta di piattaforme? Ancora non si sa. Sta di fatto che gli utenti di Facebook hanno iniziato a postare meno contenuti. Lo dicono i dati GlobalWebIndex, riportati dal Wall Street Journal: nel terzo trimestre solo il 34% degli iscritti ha aggiornato il proprio stato e il 37% ha postato qualcosa, percentuali in calo rispetto al 50% e 59% (rispettivamente) di un anno fa.

Per far fronte a questa tendenza, il social da maggio scorso ha iniziato a mostrare agli utenti dei "promemoria" di eventi e giornate speciali, in un test volto a invogliare a postare. Il 65% degli utenti della piattaforma, dato di giugno, visita la rete sociale quotidianamente, e quindi vede gli spot da cui derivano le entrate di Facebook. La flessione dei contenuti pubblicati, tuttavia, potrebbe rappresentare un problema nel lungo periodo, facendo perdere appeal al social network che di recente ha dato l'ok per l'utilizzo di nickname sulla propria piattaforma e ha aperto la chat di Messenger anche per comunicazioni tra "non amici".

Fonte: La Repubblica - Foto: Data Manager

Torna in alto

Categorie

Documentari

Notizie e Turismo

Seguici su

Informazioni

Grazie per la tua donazione