Menu
Nuovo farmaco 'discioglie' cancro polmoni, senza chemio

Nuovo farmaco 'discioglie' cancro p…

SYDNEY - Un rivoluzionari...

Nuovo malware su Android fa le chiamate a pagamento

Nuovo malware su Android fa le chia…

Ancora una minaccia per i...

Lavoro: più sono i giorni di malattia pagati, meno si ammalano i dipendenti

Lavoro: più sono i giorni di malatt…

È abbastanza lapalissiano...

Facebook lancia lo shopping sulla chat di Messenger

Facebook lancia lo shopping sulla c…

MILANO - Facebook dichiar...

Onu: "Facebook, Twitter e WhatsApp usati dall'Isis per vendere schiave"

Onu: "Facebook, Twitter e What…

Inutile nasconderlo: Face...

Una conversazione simile a quella umana, l'incredibile linguaggio dei delfini

Una conversazione simile a quella u…

Un linguaggio talmente ev...

Incominciare a lavorare prima delle 10 del mattino provoca stress e stanchezza

Incominciare a lavorare prima delle…

In ufficio, mai prima del...

Nella classifica mondiale degli hacker l'Italia è al decimo posto

Nella classifica mondiale degli hac…

I programmatori italiani ...

Scoperto un trojan che si diffonde via Twitter

Scoperto un trojan che si diffonde …

Avanti un altro. E' stato...

Che cosa fare in caso di terremoto

Che cosa fare in caso di terremoto

La Protezione Civile sul ...

Prev Next

Usa, foto porno per vendetta e ricatti: 18 anni di carcere a titolare sito web

  • Scritto da 
Gestiva due siti: in uno consentiva di pubblicare immagini per vendicarsi degli ex amanti, con l'altro estorceva denaro per far rimuovere le foto Gestiva due siti: in uno consentiva di pubblicare immagini per vendicarsi degli ex amanti, con l'altro estorceva denaro per far rimuovere le foto

LOS ANGELES - E' stato condannato a 18 anni di carcere Kevin Bollaert, titolare in California di un sito web che ospitava circa 10.000 foto esplicite di rapporti sessuali corredate da nomi e cognomi,  età dei protagonisti e profilo Facebook, ma non dalla loro autorizzazione.

Il 28enne di San Diego, lanciò il sito nel 2012, consentendo a chiunque lo volesse, di inserirvi le foto, diverse delle quali venivano messe per vendicarsi di un amore deluso, ad esempio, o di ex fidanzati. Nello stesso tempo Bollaert ne gestiva un altro, attraverso il quale estorceva denaro, fino a 350 dollari a foto - a chi chiedeva che venissero rimosse le immagini inserite nel primo.

Drammatiche alcune testimonianze durante il processo: "La mia vita è precipitata in una spirale verso il basso", ha raccontato, tra gli altri testimoni, una vittima sottolineando che la propria famiglia non voleva più parlarle nè vederla. I genitori di Bollaert hanno chiesto clemenza alla corte ma invano.Ha spiegato l'accusa rappresentata dal procuratore generale della California Kamala Harris , "così diverranno chiare le conseguenze per chi sfrutta gli altri nel web". Quello che si è chiuso è stato il primo procedimento giudiziario per reati di sfruttamento nella rete.

Fonte: La Repubblica

Torna in alto

Categorie

Documentari

Notizie e Turismo

Seguici su

Informazioni

Grazie per la tua donazione