Menu
Nuovo farmaco 'discioglie' cancro polmoni, senza chemio

Nuovo farmaco 'discioglie' cancro p…

SYDNEY - Un rivoluzionari...

Nuovo malware su Android fa le chiamate a pagamento

Nuovo malware su Android fa le chia…

Ancora una minaccia per i...

Lavoro: più sono i giorni di malattia pagati, meno si ammalano i dipendenti

Lavoro: più sono i giorni di malatt…

È abbastanza lapalissiano...

Facebook lancia lo shopping sulla chat di Messenger

Facebook lancia lo shopping sulla c…

MILANO - Facebook dichiar...

Onu: "Facebook, Twitter e WhatsApp usati dall'Isis per vendere schiave"

Onu: "Facebook, Twitter e What…

Inutile nasconderlo: Face...

Una conversazione simile a quella umana, l'incredibile linguaggio dei delfini

Una conversazione simile a quella u…

Un linguaggio talmente ev...

Incominciare a lavorare prima delle 10 del mattino provoca stress e stanchezza

Incominciare a lavorare prima delle…

In ufficio, mai prima del...

Nella classifica mondiale degli hacker l'Italia è al decimo posto

Nella classifica mondiale degli hac…

I programmatori italiani ...

Scoperto un trojan che si diffonde via Twitter

Scoperto un trojan che si diffonde …

Avanti un altro. E' stato...

Che cosa fare in caso di terremoto

Che cosa fare in caso di terremoto

La Protezione Civile sul ...

Prev Next

Prezzo del petrolio in calo fino al 2017, ma la risalità sarà brusca

  • Scritto da 
Secondo l'Agenzia internazionale dell'energia, le quotazioni del greggio non si riequilibreranno fino all'anno prossimo: il calo degli investimenti, però, potrebbe creare problemi all'approvigionamento nel medio periodo Secondo l'Agenzia internazionale dell'energia, le quotazioni del greggio non si riequilibreranno fino all'anno prossimo: il calo degli investimenti, però, potrebbe creare problemi all'approvigionamento nel medio periodo

MILANO - Sarà l'Asia a trainare la ripresa dei prezzi del petrolio, ma il mercato inizierà a riequilibrarsi solo a partire dall'anno prossimo.

Le quotazioni del greggio, infatti, sono ancora appesantite da un eccesso di offerta a fronte di un calo della domanda: il recupero progressivo dei prezzi, quindi, inizierà sono nel 2017. Nel medio periodo - rileva l'Agenzia internazionale dell'energia - il livello delle quotazioni sarà influenzato soprattutto dalla disponibilità degli investimenti.

Nel rapporto dell'Aie infatti si spiega che "solo nel 2017 si osserva un riallineamento dell'offerta alla domanda, ma gli stock enormi accumulati freneranno il ritmo di recupero dei prezzi". D'altra parte nel 2014 e nel 2015 l'offerta ha largamente ecceduto la domanda con un surplus rispettivamente di 0,9 e 2 milioni di barili al giorno. La tendenza non è destinata a cambiare neppure quest'anno per il quale è stimata un'eccedenza di 1,1 milioni di barili al giorno. Come se non bastasse, nonostante il calo della domanda dovuto al rallentamento dell'economia globale, la produzione dovrebbe aumentare di 4,1 milioni di barili al giorno fino al 2021, principalmente a seguito del ritorno sul mercato del greggio iraniano e delle trivellazioni americane.

"Le condizioni attuali del mercato petrolifero non indicano che i prezzi possano recuperare in un futuro immediato, a meno che non si verifichi un avvenimento geopolitico maggiore", si legge ancora nel rapporto aie, che riscontra "un'abbondanza di risorse nel sottosuolo, ma anche importanti innovazioni tecnologiche che consentono alle compagnie di commercializzare petrolio".

Secondo l'Aie, inoltre, gli investimenti sono attesi in calo per il secondo anno consecutivo nel 2016: dopo il -24% del 2015, è prevista una nuova flessione del 17%. Parallelamente, i consumi aumenteranno in media di 1,2 milioni di barili al giorno ogni anno, passando da 95,6 nel 2016 a 101,6 nel 2021. L'aumento dei prezzi, però, potrebbe farsi brusco sul medio termine, a causa dell'"investimento insufficiente" che, nelle parole del direttore dall'Aie, Fatih Birol, potrebbe generare "spiacevoli sorprese sulla sicurezza" dell'approvvigionamento.

Fonte: La Repubblica - Foto: Wall Street Italia

Torna in alto

Categorie

Documentari

Notizie e Turismo

Seguici su

Informazioni

Grazie per la tua donazione